Il certificato antipedofilia. Anche i dentisti debbono esigerlo

I dentisti che operano a contatto con i minori sono tenuti a richiedere il certificato antipedofilia ai propri dipendenti, come prescritto dal Decreto Legge 39/2014. Lo afferma il Ministero della Giustizia, equiparando il lavoro degli odontoiatri a quello dei pediatri e di tutte le altre professioni (insegnante, educatore, allenatore, bidello, ecc.) per le quali il contatto regolare con i minori è l’oggetto stesso della prestazione nel quadro di uno specifico rapporto di lavoro. La richiesta del certificato del casellario ai sensi dell’art. 25 bis del DPR 313/2002 andrà estesa anche ai dipendenti già assunti, ma solo quando, scaduto il termine di durata previsto, si stipuli con lo stesso lavoratore un altro e nuovo contratto.

Più in generale, quindi l’obbligo di richiedere il certificato si configura quando il rapporto contrattuale si instauri con dipendenti la cui attività comporta contatto diretto e regolare con minori, mentre non è previsto per le forme di collaborazione che non si strutturino in un definito rapporto di lavoro.

In attesa del certificato, che va richiesto non ogni sei mesi, come si paventava, ma una tantum, al momento della stipula, il contratto può essere sottoscritto comunque dalle parti sulla base di una dichiarazione sostitutiva di certificazione da parte del lavoratore.

 

Per dubbi ed approfondimenti, invitiamo i colleghi a contattarci alla eMail info@odex.it

I nostri legali saranno lieti di rispondere ai vostri quesiti.

Posted in News.